Governare in maniera responsabile
e sostenibile

Quali sono le condizioni di governo e di gestione necessarie per integrare la responsabilità sociale nelle organizzazioni?
Come intraprendere un percorso di orientamento alla responsabilità sociale?

DIMENSIONE DI GOVERNANCE

La governance (o governo d’impresa) è...?

L’insieme di regole, di ogni livello (leggi, regolamenti etc.) che disciplinano la gestione e la direzione di una società o di un ente, pubblico o privato, profit o non profit. Il sistema che regola la presa di decisioni, la scelta delle modalità e degli strumenti atti alla loro realizzazione e al perseguimento degli obiettivi.

1. Nello sviluppo sostenibile

Incentivare una crescita duratura, inclusiva e soste- nibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti.

Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l'accesso alla giustizia per tutti e creare organismi e efficaci, responsabili e inclusivi a tutti i livelli.

8.5

Raggiungere la piena e produttiva occupazione e un lavoro dignitoso per tutte le donne e gli uomini, anche per i giovani e le persone con disabilità, e la parità di retribuzione per lavoro di pari valore

8.8

Proteggere i diritti del lavoro e promuovere un ambiente di lavoro sicuro e protetto per tutti i lavoratori, compresi i lavoratori migranti, in particolare le donne migranti, e quelli in lavoro precario

16.5

Ridurre sostanzialmente la corruzione nelle sue forme

16.6

Sviluppare istituzioni efficaci, responsabili e trasparenti a tutti i livelli

16.7

Assicurare un processo decisionale reattivo, inclusivo, partecipativo e rappresentativo a tutti i livelli

2. Nella responsabilità sociale

“Il governo dell’organizzazione è il fattore cruciale per consentire all’organizzazione di assumersi la responsabilità degli impatti delle proprie decisioni e attività e di integrare la responsabilità sociale in tutta l’organizzazione e nelle sue relazioni”

(Guida alla responsabilità sociale ISO 26000:2010)

Come l’organizzazione può governare in
maniera responsabile?

Predisponendo processi decisionali che includano le aspettative degli stakeholder e valutino preventivamente gli impatti derivanti da scelte e azioni. Motivando i dipendenti a praticare la responsabilità sociale e integrandola nella cultura dell’organizzazione. Adottando modalità di organizzazione del lavoro e gestione delle risorse umane che favoriscono le pari opportunità, le pratiche di lavoro dignitose, il benessere fisico e la valorizzazione delle Persone. Integrando criteri di sostenibilità ambientale nelle scelte e nella gestione dell’organizzazione e delle relazioni. Adottando strumenti per rendere concreti e attuati i principi della trasparenza e dell’accountability.

3. Nel settore culturale

Risorsa per favorire meccanismi di governance responsabili

Favorire processi decisionali inclusivi e partecipativi:

“Promuovere l’interesse e l’impegno dei cittadini nei processi democratici promuovendo l’accesso alla partecipazione culturale in senso lato;
Promuovere l’accesso a informazioni libere, plurali e accurate e proteggere e migliorare il pensiero critico;
Favorire il dialogo interculturale.”

tratto da “Implementing Culture within the Sustainable Development Goals. The role of culture in Agenda 2030” CAE

Posizionamento degli Enti dello Spettacolo dal Vivo

Come si collocano gli Enti dello Spettacolo dal Vivo di Performing +
rispetto alla dimensione di governance

Le raccomandazioni di Perfoming+

Per un ente culturale orientarsi alla sostenibilità a livello di governance significa dotarsi di una visione e di un approccio strategico che consenta di tenere conto e di valutare gli impatti sociali, economici e ambientali, cogliendo le sfide dello sviluppo sostenibile;
definire e condividere principi e norme di comportamento che guidano l’agire dell’organizzazione e dei singoli in modo etico, trasparente e in conformità con la legge applicabile;
dotarsi di un sistema di programmazione e gestione delle risorse – economiche, umane, infrastrutturali – con cui attraversare la complessità del sistema attuale, perseguire azioni e impatti stabili, continuativi e di lungo periodo.

Se un'organizzazione culturale
riconosce i propri valori e la propria missione e individua in fase preliminare il suo contributo allo sviluppo sostenibile e gli impatti sociali, ambientali e economici che può generare, traducendoli in obiettivi strategici...

ALLORA
— evita il rischio di costruire o aderire a progettualità che la allontanano dalle proprie finalità e dalle proprie strategie, al solo fine di raggiungere finanziatori e sopravvivere nel breve periodo, compromettendo l’identità e la tenuta dell’organizzazione nel medio-lungo periodo
— evita il rischio di disperdere risorse, tempo e motivazione in attività che non sono coerenti con la propria identità e disorientano dipendenti, pubblico e stakeholder
— consente di pianificare azioni in coerenza con i propri obiettivi strategici, mantenere e progettare le attività che rappresentano il proprio valore, assegnare le risorse congrue per perseguire gli obiettivi e generare il valore e gli impatti che si prefiggono

Se un'organizzazione culturale
analizza i propri stakeholder e le loro aspettative, in particolare i potenziali partner e finanziatori, in fase di pianificazione e programmazione...

ALLORA
— avvia un rapporto di collaborazione attiva con i propri finanziatori concorrendo al raggiungimento degli stessi obiettivi
— può realizzare delle partnership efficaci con gli enti privati
— evita il rischio di non individuare delle opportunità che rendano maggiormente sostenibile le progettualità in essere

Se un'organizzazione culturale
adotta un approccio di pianificazione delle attività pluriennale (3 o 5 anni), integrato con la gestione delle risorse economiche, umane e infrastrutturali...

ALLORA
— garantisce una continuità progettuale e lavorativa e favorisce l’adozione di contratti di lavoro equi e condizioni di lavoro sicuro, quindi lavoratori garantiti e maggiormente soddisfatti
— esce da una dimensione sempre orientata al presente, all’operativo e all’urgenza, rendendo la propria organizzazione stabile e strutturata anche in relazione alle competenze necessarie, favorendo la valorizzazione e la crescita dei propri dipendenti e collaboratori e la continuità delle relazioni con i fornitori, i partner e gli altri stakeholder, rendendosi più affidabile
— Crea le condizioni per adottare strumenti di attuazione dei principi della trasparenza e dell’accountability, attraverso la misurazione, il monitoraggio e la valutazione dei risultati e degli impatti programmati

Se un'organizzazione culturale
adotta modalità di organizzazione del lavoro e gestione delle risorse umane che favoriscono le pari opportunità, le pratiche di lavoro dignitose, il benessere fisico e la valorizzazione delle Persone, criteri di sostenibilità ambientale, sociale ed economica nelle scelte e nella gestione...

ALLORA
— evita il rischio di uno scollamento tra il ruolo e i valori promossi con le proprie attività culturali e i comportamenti attuati nella propria gestione, perdendo di credibilità e legittimazione
— favorisce la creazione di valore nel medio-lungo termine, generando un’occupazione di qualità, una redistribuzione di valore economico sul territorio e attivando nuovi indotti di sviluppo economico collegati alla sostenibilità ambientale e sociale
— favorisce la diffusione di comportamenti sostenibili e corretti tra gli stessi operatori del settore culturale

Buona prassi

Come gli Enti dello Spettacolo dal Vivo di Performing + hanno sviluppato
strategie e azioni di responsabilità e sostenibilità sociale? Alcune buone
prassi a cui ispirarsi

Compila il form con la tua buona prassi e contribuisci
ad arricchire il toolkit anche con la tua esperienza

Condividi le tue buone prassi: compila il form e contribuisci ad arricchire il toolkit anche con la tua esperienza.


CATENA DI
SENSO

scopri di più

DIMENSIONI DELLA
SOSTENIBILITà

scopri di più

POSIZIONAMENTO
ESV

scopri di più