ASSESSMENT STRUTTURA ORGANIZZATIVA

Punti di attenzione e spunti di riflessione

  • L’organigramma serve a dare visibilità chiara alle responsabilità e alla catena decisionale: deve trasmettere con immediatezza chi fa che cosa, sia all’interno che all’esterno della propria organizzazione. È fondamentale per garantire il perseguimento degli obiettivi e una ottimale realizzazione delle attività, in quanto, attraverso la definizione delle singole posizioni organizzative, esplicita ruoli, compiti e risultati assegnati (job description).
  • La definizione dell’organigramma deve partire dalla emersione e descrizione delle singole posizioni organizzative, a partire da chi, formalmente, detiene la responsabilità e ha la rappresentanza dell’ente.
  • Nelle piccole organizzazioni, la presenza di poche persone (soci, dipendenti, collaboratori) che spesso sono in posizioni paritetiche, non deve portare l’organizzazione a non darsi una rappresentazione organizzativa: ciò potrebbe generare sovrapposizioni e inefficienze e non efficacia nell’operatività; al contrario, la rappresentazione dell’organigramma, aiuterebbe a mettere in evidenza carenze / distribuzioni disomogenee delle funzioni / concentrazioni importanti di funzioni in un’unica persona, che spesso, nelle piccole organizzazioni, riveste sia il ruolo di Presidente sia di Direttore artistico, oltre a prendere su di sé molti altri compiti. In questi casi, essenziale è saper applicare l’esercizio della delega verso altre figure.
  • Necessità di formalizzare e rendere standard meccanismi di coordinamento tre le varie aree e funzioni, che sono spesso legate al rapporto tra singole persone, in modo che i processi validati si ripetano anche in futuro nel momento di un eventuale avvicendamento.
  • L’organigramma non è qualcosa di statico ma, in un percorso evolutivo, deve sapersi trasformare e saper accogliere nuove funzioni, così da guidare anche l’eventuale individuazione di nuovi lavoratori e professionalità, che sappiano svolgere le nuove funzioni individuate.
  • La tendenza a non moltiplicare le posizioni organizzative è spesso legata alla percezione di una scarsità di risorse (umane ed economiche) da distribuire nella struttura più che ad un ragionamento sulle reali necessità dell’organizzazione: è importante chiarire i ruoli, i compiti e i risultati necessari per garantire la sostenibilità dell’ente nel medio-lungo periodo, che possono essere ricoperti in una fase iniziale dalla stessa persona, ma avendo chiaro un piano di investimento che possa garantire lo sviluppo organizzativo dell’ente.

catena di
senso

scopri di più

dimensioni della
sostenibilità

scopri di più

posizionamento
esv

scopri di più